Il cervello reagisce alla paura in 40 millisecondi

17 10 2007

Secondo uno studio condotto da ricercatori statunitensi il nostro cervello reagisce più velocemente quando si trova davanti una faccia da film horror. Volti che invece esprimono emozioni come gioia e felicità attirano meno la nostra attenzione. La ricerca pubblicata sulla rivista Emotion mostra che al nostro cervello bastano 40 millisecondi (o anche molto meno) per decidere se un’espressione è “amica” oppure no.


I ricercatori della Vanderbilt University del Tennessee hanno condotto un esperimento su dei volontari cui sono state proiettate un’immagine in bianco e nero, che cambiava espressione (dalla paura alla gioia e viceversa), e un’altra invece statica. Gli studiosi hanno notato come i partecipanti al test si accorgevano dell’immagine che corrispondeva all’espressione inquietante più velocemente di quella che invece mostrava un viso felice.

E questo grazie a una parte del cervello (chiamata l’amygdala) che capta ed esamina i segnali visivi dirigendo così la nostra attenzione verso situazioni potenzialmente pericolose. Dunque una sorta di “007” naturale che non si attiva o meglio si attiva più lentamente di fronte a un sorriso, perché questo non richiede un’immediata attenzione ed è indice di una situazione da cui non possiamo temere.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: